CORSO A.M.M. – OTTAVO E NONO MODULO

OTTAVO MODULO – Appennino abruzzese, Barrea.

Per l’ottavo modulo del corso AMM ci spostiamo a Barrea, splendido paesino medievale affacciato sull’omonimo lago e immerso nelle montagne del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise; è amore a prima vista per una terra che si riserverà ricca di tesori e cordialità.

Ci aspettano cinque giorni molto intensi in cui il filo conduttore sarà la zoologia anche se, per non farci mancar nulla, il secondo giorno affrontiamo pure i test di metà corso su diverse materie teoriche: botanica, fisiologia, geologia, leggi e meteorologia; queste prove servono un po’ da collaudo in vista del futuro esame di abilitazione, a verificare quindi per tempo a che punto sia la nostra preparazione e cosa sia necessario correggere o approfondire.

La maggior parte del tempo la passiamo però a contatto con la natura e gli animali, durante le nostre uscite abbiamo infatti la fortuna di vedere da vicino centinaia di cervi intenti a brucare, rincorrersi o a rinfrescarsi nelle pozze, osservare poi solitari camosci sulle rupi più impervie, sentire nella notte i fitti dialoghi amorosi tra gli allocchi, catturare con lo sguardo cinghiali, lepri, arvicole e scoiattoli in fuga e sognare infine l’incontro con l’orso e col lupo, che non si concedono ai nostri occhi ma che, siamo sicuri, ci hanno osservati curiosi nel nostro cammino nascosti dietro un masso o uno dei secolari faggi che puntellano questo territorio. Per vivere appieno questo contatto abbiamo sfruttato le ore più suggestive del giorno e della notte, il tramonto e l’alba, e la sapienza delle nostre guide che hanno condito le escursioni anche con aneddoti che hanno collegato le nozioni delle materie naturalistiche con la realtà quotidiana fatta di storia, cultura e tradizioni.
Un modulo insomma immerso nella naturalità, forse il più bello e pieno del nostro corso (almeno fino ad ora!). Dopo cinque giorni torniamo a casa col cuore più pieno e con la voglia di tornare presto a rivivere di nuovo le emozioni che questo parco ci ha regalato.

Grazie Abruzzo e grazie corso AMM, palestra di insegnamento professionale ma anche di vita!

NONO MODULO – Piccole Dolomiti, Rifugio Campogrosso

Siamo ormai in piena estate, da quasi un anno frequentiamo il corso AMM e ci accorgiamo sempre più che ci sta cambiando, arricchendoci di elementi che ci fanno vivere la montagna in modo più completo: se prima il nostro sguardo spesso volgeva quasi solo alla meta, ora ogni singolo passo rivela una ricchezza da scoprire ed apprezzare. È giunto il tempo di allenarci a condividere questa bellezza e a condurre il passo con decisione sulle alte terre, il nono modulo del corso ha questa precisa finalità: l’affinamento delle tecniche escursionistiche. Siamo nelle Piccole Dolomiti, il “campo base” è l’accogliente nido del Rifugio Campogrosso dove il gestore Davide ci fa davvero da chioccia; ci attendono 5 giorni di escursioni in un ambiente splendido e mai banale. Il primo giorno è dedicato ad affinare i concetti di botanica, l’overdose data dalla ricchezza floristica di questa zona quasi ci stordisce, ma è tutto un ripasso fondamentale per i futuri (ma ormai sempre più prossimi!) esami di abilitazione.

Nei successivi 4 giorni siamo in mano alle Guide e, scorrazzando in lungo e in largo per questi monti che trasudano natura, storia e tradizione, possiamo affinare la nostra tecnica di conduzione e di camminata: il Baffelan e il Cornetto ci riservano un terreno mai banale e da affrontare con cura, il Pasubio ci commuove con le testimonianze della Grande Guerra immerse in un trekking più “turistico” ma da non prender sottogamba e il Carega, infine, ci accoglie con il suo lato più selvaggio e maestoso, dove quinte di guglie e torrioni nascondono profondi canali che, partendo dalle vette con ampi ghiaioni, terminano in impluvi occupati da mughi e ontani a celare a volte salti di roccia e passaggi obbligati. In sintesi è il terreno perfetto per metterci alla prova, capire a che punto siamo con il nostro percorso e avere il tempo, durante l’estate, di correggere anche autonomamente i nostri difetti emersi dal confronto con le Guide. Un modulo insomma completo ed immersivo, per sentirci un tutt’uno che ciò che, faremo apprezzare in futuro con il nostro lavoro.

(Corso A.M.M. 2019)